Cronaca di una sudata e guadagnata esperienza in laboratorio della 3AS

a cura di Gioia Zorzi, 3AS (Liceo Scientifico Tradizionale)

Il patto dalla prima lezione insieme, nel 2018, era chiaro: “quando tutta la classe prenderà almeno la sufficienza in una verifica vi porterò in laboratorio”.

Noi, bambini ingenui di prima scientifico tradizionale, al tempo la prendemmo sottogamba, credendo che già dopo la prima verifica avremmo iniziato a fare esperimenti. I mesi, gli anni, passavano e la classe non arrivava mai ad avere tutti gli studenti con voti sopra il sei.

Ma arriva una pandemia e, a maggio 2020, non grazie alla didattica a distanza, ma grazie alla dedizione di tutti noi, non c’è nessuna insufficienza: il gioco è fatto!

Passa anche quest’anno, tra scuola in presenza e video lezioni, ma noi, la 3AS, non ci dimentichiamo di quella santa verifica.

Martedì 25 maggio 2021, dopo tre anni di lezioni al liceo scientifico, il professor Andrea Negro ci porta in laboratorio. Vi lasciamo qui sotto un breve video, ricordo di quella giornata estremamente felice. 

P.S. Se ci vedete un po’ tesi è perché eravamo consapevoli dell’importanza della situazione.

Durante il laboratorio, è stata applicata la teoria appresa in classe: abbiamo unito acido ossalico con idrossido di sodio, fino a quando la soluzione si è neutralizzata (a pH 7 è diventata fucsia grazie alla presenza di un indicatore, una sostanza chiamata fenolftaleina, che abbiamo aggiunto inizialmente all’acido).

Poi, nell’ultima parte della lezione, la professoressa Turchetto, responsabile di laboratorio, ci ha fatto aggiungere qualche pipettata di soluzione di cavolo rosso (coltivato nell’orto botanico del Pio X), che funge da indicatore naturale di acidità, a tre soluzioni con pH diverso, che sono diventate di tre colori diversi.

Il messaggio è chiaro: alunni di Negro, non illudetevi, ma state tranquilli e aspettate un’altra pandemia! …Ovviamente scherzo: impegnatevi e prendete tutti la sufficienza, perché andare in laboratorio è bellissimo!

Cliccate qui per visualizzare il video!

Oppure, potete vederlo direttamente qui:

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi profili social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑