La settimana sportiva p.4

a cura di Federico Fraticelli

Benvenuti amici tifosi e tifose della scuola Pio X di Treviso.

Sono sicuro che questa mattina per tutti la sveglia sia suonata troppo presto, e che speravate di svegliarvi all’inizio delle vacanze, ma la campanella è suonata inesorabilmente e ci ha condannato al ritorno delle lezioni.

Purtroppo però, la pandemia continua ad affliggerci nella quotidianità, ma sta anche penalizzando molti atleti. 

I rinvii non sono mancati, ma il mondo dello sport non si è fermato, e questi giorni sono stati ricchi di eventi, quindi non perdiamo tempo ed iniziamo.

Partiamo con la Serie A, con la quale abbiamo in sospeso ben 2 turni di campionato.

2 turni che purtroppo sono stati caratterizzati dai casi COVID, con 4 squadre in quarantena.

In classifica non ci sono stati grandi cambiamenti.

l’Inter è in testa con una partita in meno rispetto al Milan che ha vinto entrambe le partite, mentre i ragazzi di Inzaghi hanno saltato la partita contro il Bologna, che è in quarantena e che domani la concluderà.

L’Atalanta, dopo aver saltato la prima partita contro il Torino (in quarantena), ha scherzato 6-2 contro l’Udinese, decimato dai casi e appena uscito dall’isolamento.

La Juventus ha giocato 2 match difficili contro il Napoli e contro la Roma.

Contro i partenopei i ragazzi di mister Allegri hanno strappato un punto ma senza giocare bene. 

Contro la Roma la Juve è stata in difficoltà fino al settantesimo minuto, quando poi i giallorossi hanno avuto un colosso psicologico, e da 3-1 hanno perso per 4-3. La Juve ha però perso una delle sue pedine più importanti, Federico Chiesa, che si è rotto il legamento crociato.

Dal calcio passiamo agli sport invernali, con lo sci alpino, ma anche con il salto con lo sci e non solo.
Iniziamo dallo slalom femminile di Zagabria, che è stato dominato da Petra Vlhova, che nella prima manche ha messo in cassaforte la gara e poi ha amministrato nella seconda.

La slovacca è sempre più leader della classifica di slalom, ed ha avvicinato Mikaela Shiffrin in quella generale.

Lo slalom maschile di Zagabria, si è disputato nei giorni più caldi di tutto l’inverno, e quindi a causa della tremenda situazione della neve, è stato annullato dopo 19 discese nella prima manche.

Dopo la Croazia, gli sciatori e le sciatrici sono andati in Austria, nella mitica Adelboden, per gli slalom speciale e gigante.

Nella prima giornata di gare, con i giganti, le nostre aspettative erano riposte su Marta Bassino e su Luca De Aliprandini. 

La ragazza di Cuneo ha concluso terza dietro Sara Hector e Tessa Worley, mentre il trentino, ha rimediato una distorsione alla caviglia dopo una caduta nella prima manche mentre era in testa.

Nello slalom speciale femminile c’è stata l’ennesima vittoria di Petra Vlhova, mentre al maschile nella gara più bella della stagione ha trionfato a sorpresa Johannes Strolz. Il migliore degli italiani è stato Alex Vinatzer, che dalla ventisettesima posizione è arrivato settimo.

Nella top 10 anche Giuliano Razzoli.

Passiamo al salto con gli sci ed alla vittoria nei prestigiosissimi quattro trampolini di Ryoyu Kobayashi, che ha addirittura sfiorato il grande slam, ovvero vincere su tutti e quattro i trampolini. Purtroppo sull’ultimo trampolino, quello di Bischofshofen, non ha vinto, ma è stata comunque una tournée incredibile per il fenomeno giapponese.

Veloce salto a Sigulda, in Lettonia, dove Dominik Fischnaller ha trovato un ottimo terzo posto nello slittino di Coppa del Mondo.

Passiamo al tennis ed alla ATP Cup, conclusasi con la vittoria del team Canada che, trascinato da Shapovalov e Auger-Aliassime, ha eliminato la più quotata Russia in semifinale e ha trionfato sulla Spagna nell’ultimo atto del torneo.

C’è stata ben poca gloria per l’Italia, che è stata eliminata dai gironi per mano della Russia.

Il caso che però sta facendo scalpore nel mondo del tennis è quello di Novak Djokovic: il super campione serbo non è infatti vaccinato e pertanto non potrebbe entrare in Australia (dove tra una settimana inizierà il primo slam della stagione), però ha presentato un’esenzione dal vaccino.

Il governo australiano, però, non ha accettato l’esenzione, e quindi non ha rilasciato il visto per entrare nel paese.

Ancora non si sa se il campione potrà giocare o meno, la decisione verrà presa nei prossimi giorni.

Termina anche questa settimana il nostro appuntamento con lo sport, grazie per avermi seguito, buona settimana e buono sport a tutti!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi profili social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑