La cosmesi e le allergie

di Laura Bonaiuto (5AM, Linguistico Moderno) e Linda Mazzon (3BA, Scientifico Scienze Applicate)

Già nella preistoria – incredibile ma vero – si usavano i cosmetici: i principali ingredienti utilizzati nel 10.000 a.C. erano argilla, grasso animale e pigmenti di colore diverso, solitamente derivati da estratti di piante o minerali, come terre gialle o terre rosse. 

Alcune di queste sostanze sono ancora utilizzate oggi dai popoli indigeni.

I cosmetici si sono evoluti molto nel corso del tempo e sono in continuo cambiamento. 

Vediamo di analizzare gli ingredienti che si utilizzano di solito al giorno d’oggi.

Si suddividono in tre categorie:

  • Materie prime: sono le sostanze di supporto alla sostanza funzionale. Sono materie prime acqua, oli, burri, emulsionanti e tensioattivi;
  • Sostanze funzionali: conferiscono ad un cosmetico una caratteristica principale, dunque uno scopo preciso;
  • Additivi: si tratta di sostanze essenziali per la produzione e conservazione dei cosmetici (antiossidanti, coloranti, conservanti, profumi e umettanti).

Vi sono tuttavia sostanze chimiche che non possono essere utilizzate da persone che hanno una pelle più sensibile o sono soggette ad allergie.

Le reazioni avverse alle fragranze e ai prodotti cosmetici contenenti profumi includono dermatite allergica da contatto, dermatite da contatto irritante, fotosensibilità, reazioni immediate (orticaria da contatto) e dermatite da contatto pigmentata.

L’SCCNFP (Comitato scientifico per i prodotti cosmetici e per i prodotti non alimentari destinati ai consumatori) nel 1999 ha identificato 26 sostanze, imponendo che su di esse si fornissero informazioni ai consumatori relativamente alla loro presenza nei prodotti cosmetici.

A tal proposito la Direttiva 2003/15/CE, che è andata a modificare la Direttiva 76/768/EEC, ha introdotto l’obbligo di indicare in etichetta i 26 allergeni.

Chi potrebbe riscontrare un’allergia dovrebbe seguire alcuni semplici consigli:

  • Optare per cosmetici privi di nichel, sostanze chimiche, conservanti, profumi e coloranti;
  • Testare sempre i prodotti nuovi, applicandone una piccola quantità sul polso o all’interno del gomito, se la zona si arrossa, evitate successive applicazioni;
  • Prima di procedere nell’applicazione del make-up, stendere sul viso uno strato di crema ricca di sostanze riequilibranti (come ceramidi, acqua termale) con filtri solari anti UV;
  • Scegliere prodotti non aggressivi anche per struccarsi.
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi profili social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑