Il paradosso del gatto di Schrödinger

GEMELLI

Il 4 gennaio moriva a Vienna il fisico austriaco Erwin Schrödinger, premio Nobel per la fisica nel 1933.

Lo conoscete?

Se non lui, ricorderete senza dubbio la storia del paradosso del gatto di Schrödinger, anche perché un famoso telefilm, “The Big Bang Theory”, aveva dedicato una puntata proprio a questo…

Un gatto viene chiuso dentro ad una scatola sigillata insieme ad un meccanismo che può rilasciare del veleno letale nell’arco di un tempo prestabilito. Non sappiamo cosa possa far scattare il meccanismo di rilascio del veleno, si sa solo che la probabilità che ciò avvenga è pari al 50%

Finché non apriamo la scatola e controlliamo cosa sia successo, noi non possiamo dire se il gatto sia vivo o sia morto, quindi sarà paradossalmente lecito dire che l’animale sia contemporaneamente vivo e morto allo stesso tempo, per la stessa probabilità.

Cari Gemelli, gennaio vi lascia questa opportunità, cioè di vivere come se i vostri obiettivi e i vostri traguardi fossero tutti dentro una scatola ben sigillata: potete giocarvi bene le vostre carte, credendo fermamente in quello che vorrete, perché l’importante sarà che vi mettiate in gioco, con voi stessi e con gli altri. Seguite l’esempio del fisico austriaco che, secondo quanto citato in W. Moore, “A Life of Erwin Schrödinger”, affermò: “In questo momento sono alle prese con una nuova teoria dell’atomo. Peccato che non conosca sufficientemente la matematica; ma sono piuttosto ottimista: se riesco a creare questa teoria, sarà molto bella.“

Ci vuole ottimismo, Gemelli, e tutto sarà possibile!

.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi profili social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑